welfare e salute pagina 1

Basta tregiversare, servono gli stati generali della salute

Il sistema sanitario provinciale non gode per nulla di buona salute. I sintomi sono ormai molti: i dati sulle lista d’attesa, anche per prestazioni in RAO urgente; la pressione che subiscono i pronto soccorso, dove ormai il personale è per 2/3 gettonista; il malessere dei professionisti che fuggono alla ricerca di condizioni lavorative e retributive migliori; il sovraccarico - in primis burocratico - che vivono quotidianamente i medici di base, in numero insufficiente per dare risposte a tutti i cittadini; i finanziamenti verso il privato che continuano ad aumentare; le liste di attesa per le RSA che si allungano.
Trento, 22 febbraio 2024

continua...


Gruppo consiliare PD del Trentino. Parolari: "Graduare le rette delle Rsa alla situazione economico-patrimoniale del nucleo familiare"

Il Gruppo consiliare del Partito Democratico del Trentino, ha depositato oggi una Proposta di Mozione, prima firmataria la consigliera Francesca Parolari, per legare le rette delle Rsa alla situazione economico-patrimoniale del nucleo familiare, graduandola quindi in base all’indicatore ICEF.
Trento, 16 febbraio 2024

continua...


"Diritto all'abitare". Per un Piano provinciale per la casa

 Nella scorsa consiliatura sono state le minoranze per prime a cogliere che era in atto un’emergenza casa, emergenza che ha ormai assunto i caratteri di un problema strutturale.
Trento, 13 febbraio 2024

continua...


Bollette pazze, è emergenza casa. Zanella: "Itea ha avviato gli sfratti per morosità per chi non è riuscito a pagare. Rischia di scoppiare una bomba sociale"

“Itea ha avviato  le procedure di sfratto per morosità per chi non è riuscito a pagare le bollette esorbitanti. Cosa intende fare la Provincia?”. A chiederlo attraverso una interrogazione è il consigliere provinciale del Pd, Paolo Zanella. 
"Il Dolomiti", 3 febbraio 2024

continua...


Agenda 2030, Manica (Pd): «Il peggioramento è frutto della mancanza di azione della giunta»

Il quadro del Trentino raccontato dall’ultimo rapporto territori di Asvis riguardo agli obiettivi 2030 mostra in alcune voci una brusca frenata se non un progressivo peggioramento. In particolare il campanello di allarme arriva alle voci disuguaglianze e povertà, rete idrica e trasporto pubblico. Tre aspetti su cui gli indicatori provinciali hanno destato anche la preoccupazione del consigliere provinciale del Partito Democratico, Alessio Manica.
"Il T Quotidiano", 2 febbraio 2024

continua...


Preoccupati per le notizie sull'Assegno unico provinciale

Oggi in quarta Commissione si è discusso di assegno unico provinciale (AUP) per un parere sulla delibera di Giunta che raccorda la quota A dell'AUP con l' "Assegno di inclusione", misura che a livello nazionale ha sostituito il reddito di cittadinanza. Se la delibera in oggetto serviva solo per sbloccare le erogazioni della quota A dell'AUP, cosa che ci ha visto favorevoli, è nella discussione con l'assessore Spinelli che sono emerse questioni ben più rilevanti.
Trento, 30 gennaio 2024

continua...


Cup, il Consiglio: "Cambiare l'appalto". Passa la mozione Maestri

«La ditta vincitrice utilizzerà le sedi messe a disposizione dall'Apss». Potrebbe essere questa la «formula magica» per garantire la continuità del Cup, il centro unico delle prenotazioni in Trentino, senza infrangere le regole europee in materia di bandi pubblici.
"Il T Quotidiano", 25 gennaio 2024

continua...


Senza assegno fino a metà febbraio

In Consiglio provinciale, Francesca Parolari (nella foto), consigliera del Pd, ha chiesto alla giunta perché sia stata presa la decisione di sospendere l'erogazione della quota A dell'Assegno unico provinciale alle 9.000 famiglie che lo percepiscono, mettendo in difficoltà 30mila persone che si trovano in una situazione di fragilità (Il T del 12 gennaio).
"Il T Quotidiano", 24 gennaio 2024

continua...