accoglienza profughi pagina 1

Gli stranieri? Donne europee cristiane

Sono ben sedici anni che il Rapporto immigrazione del Cinformi offre il quadro dettagliato della presenza dei “nuovi cittadini” in Trentino. In questo periodo di tempo il fenomeno migratorio è profondamente mutato: alle migrazioni economiche si sono affiancati i ricongiungimenti familiari; i nuovi arrivi hanno subito una robusta frenata contestuale all’impennata delle acquisizioni di cittadinanza.
Luca Zeni, 16 febbraio 2018

continua...


«Il ritorno di razzismo e xenofobia? C‘è un abbassamento culturale». Zeni: «Occorre l’impegno di tutti»

TRENTO In Trentino, circa 50.000 persone provengono da aree esterne ai confini italiani. Realtà diverse, che hanno permesso la fioritura di associazioni di stampo etnico, religioso o culturale su tutto il territorio, a testimonianza del fatto che la partecipazione al sociale rimane uno dei macro-bisogni umani ed è strategica nel permettere la mediazione e l’integrazione degli immigrati.
M. Montanari, "Corriere del Trentino", 6 febbraio 2018

continua...


MEZZOLOMBARDO - Sala stracolma per il dibattito sui migranti

Platea gremita e interessata per la serata "Oltre le frontiere" organizzata mercoledì dal Circolo Pd Alta Rotaliana e Altopiano della Paganella. A confrontarsi nel dibattito, dedicato ai temi delle migrazioni e dell'accoglienza in Regione, tre oratori che per provenienza politica e background si differenziavano notevolmente: Luca Zeni, assessore provinciale alla salute e alle politiche sociali, Andrea de Bertoldi, esponente di Fratelli d'Italia, e Raffaele Crocco, giornalista Rai e direttore dell'Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo.
"Trentino", 2 febbraio 2018

continua...


#MEZZOLOMBARDO - Confronto sui profughi senza il sindaco Girardi

Migrazione, accoglienza, gestione di profughi e rifugiati: per fare il punto su questi temi roventi che quotidianamente infiammano la politica e l'opinione pubblica, mercoledì a Mezzolombardo avrà luogo una serata di dibattito che metterà a confronto esperti e politici.
"Trentino", 28 gennaio 2018

continua...


Campo di Marco, la Provincia: “Condivisibile l’appello del Vescovo a tutta la comunità trentina”

“Ringraziamo il vescovo di Trento, monsignor Tisi, per il suo appello, che riassume anche il nostro pensiero e che deve abbracciare l’intera comunità trentina. Solo attraverso una condivisione di impegno e quindi di responsabilità l’accoglienza dei richiedenti protezione internazionale può rappresentare una sfida sostenibile per il Trentino”.
Ufficio Stampa Provincia, 25 gennaio 2018

continua...


Accoglienza profughi, una sfida per tutti gli attori del sistema

All'interno dell'emergenza profughi che l'Italia sta attraversando, il Trentino è stata la prima regione ad ideare e avviare il modello della distribuzione diffusa dei richiedenti asilo in piccoli gruppi nei comuni, scelta spesso indicata come riferimento nel resto d'Italia.
Luca Zeni, 24 gennaio 2018

continua...


Profughi, 110 comuni dicono: no grazie

La mappa parla chiaro: 2 profughi su 3 sono ospitati a Trento o Rovereto, poi ci sono un centinaio di richiedenti asilo in Alta Valsugana e tutti gli altri sono distribuiti sul territorio provinciale. Ma di fronte a 66 comuni trentini che in qualche misura si sono attivati sul fronte dell'accoglienza, ce ne sono altri 111 che ancora non ospitano nessuno, con l'intera comunità della Paganella che ancora è a quota zero.
A. Selva, "Trentino", 23 gennaio 2018

continua...


Profughi e basket, nasce il Dream Team

Quando l’Aquila Basket ha lanciato il progetto, ormai due anni fa, i ragazzi arrivati ai primi allenamenti non avevano mai visto una palla a spicchi. Il senso di «Basketball: world in a world» era un altro: sfruttare la forza propulsiva dello sport per includere, avvicinare, irretire relazioni tra richiedenti asilo e comunità trentina, uscire dalle strutture di accoglienza per qualche ora di svago.
M. Damaggio, "Corriere del Trentino", 23 gennaio 2018

continua...