accoglienza profughi pagina 1

L'arcivescovo Tisi: «Dall'anno prossimo mostreremo i nostri bilanci». L'assessore Luca Zeni: «Pronti 200 posti letto»

Il volto dei poveri ci interroga e ci sconvolge. Mette in crisi le ricette della politica, le risposte della Chiesa e i resoconti del giornalismo. Di questo si è parlato presso l'Aula magna del Seminario Maggiore di Trento, alla presenza dell'arcivescovo Lauro Tisi, degli assessori Zeni (Provincia) e Franzoia (Comune) e di di giornalisti.
"Trentino", 17 novembre 2017

continua...


La maggioranza si spacca sullo Ius soli

Lo ius soli divide le forze politiche locali. Non solo. Ieri in consiglio regionale si è consumato uno scontro anche all'interno della maggioranza, con l'Svp che ha votato contro una proposta del Pd e dei Verdi.
"Trentino", 16 novembre 2017

continua...


Rapporto Idos - Gli immigrati? Il 53% è cristiano«Invasione islamica, un falso»

Trento Da una parte ciò che è reale, dall’altra ciò che è percepito come tale. Nel mezzo una membrana tanto sottile quanto necessaria per dividere pathos e logos. «Il tema dell’immigrazione è fortemente caratterizzato da fake news e pressapochismo, la conoscenza statistica costituisce quindi la base per orientare ogni intervento pubblico», sintetizza Silvio Fedrigotti, dirigente provinciale del Dipartimento salute e solidarietà.
M. Damaggio, "Corriere del Trentino", 27 ottobre 2017

continua...


Alla paura non si contrappongono muri, ma un nuovo patto di cittadinanza tra solidarietà e legalità

Sembra ormai che la legge sullo Ius Soli non verrà approvata dal Parlamento. Forse un (non) risultato che va bene a molti tenuto conto che i sondaggi scoraggiavano temerarie insistenze. In realtà a governare le scelte della politica, prima ancora che i calcoli elettorali e l'agibilità delle maggioranze, è subentrato un fenomeno tutto sociale. È la paura, quel sentimento che modifica i comportamenti individuali e collettivi e diventa ormai senso comune.
Alessandro Olivi, 18 settembre 2017

continua...


"Arrivi di migranti diminuiti sensibilmente". Tutti i numeri sui profughi in Trentino nella risposta di Zeni a Degasperi

I migranti accolti nel Comune di Trento sono 627, un terzo dei quali arrivati nella nostra provincia negli ultimi mesi. Di questi l'89% sono di sesso maschile e provengono il 20% dalla Nigeria, il 13% dal Pakistan, il 10% dalla Guinea, il 9% dalla Costa d'Avorio, il il 9% dal Ghana, l'8% dal Gambia, l'8% dal Mali, il 7% dal Senegal, il 4% dal Bangladesh e il 3% dall'Afghanistan.
"Il Dolomiti", 13 settembre 2017

continua...


Sulla Libia

La situazione in Libia continua ad essere una delle principali preoccupazioni del nostro Paese e dell'intera comunità internazionale. Dopo la caduta di Gheddafi e anni di guerra civile, aggravati dall’infiltrazione di Al Qaeda, anche grazie al sostegno del nostro Paese, è nato il governo di unità nazionale presieduto da Al Sarraj e riconosciuto dalle Nazioni Unite con la risoluzione 2259 del dicembre 2015.
Michele Nicoletti, 4 agosto 2017

continua...


#TRENTO - Atto xenofobo contro i negozi stranieri, Dorigatti: delirio di pochi, ai quali si contrappone la saggezza e l’accoglienza di tanti

Sono circa una decina le scritte intimidatorie inneggianti al “Daspo urbano” apparse ieri mattina in prossimità delle principali attività commerciali del centro gestite da stranieri. Pareti rovinate e insegne deturpate, dalla calzoleria nella Seconda Androna di Borgonuovo al venditore di kebab di piazza Garzetti, fino in via Travai, nei pressi del Punto d’Incontro, cooperativa che accoglie senzatetto, immigrati e persone in situazioni di grave disagio.
A. Claire Collavo, "Trentino", 1 agosto 2017

continua...


Aiutarli a casa loro? Oltre gli slogan, dieci punti per una politica delle migrazioni

“Aiutarli a casa loro” e “non possiamo accoglierli tutti” sono due slogan sbagliati, che però potrebbero svelare una parte di soluzione. “Aiutarli a casa loro”: certamente é condivisibile da tutti l’idea che ogni persona -a prescindere dal luogo in cui viene al mondo- abbia il diritto non solo di sopravvivere ma di vivere in pace, avendo le risorse necessarie per garantire una vita dignitosa per sé e per la propria famiglia.
Mattia Civico, 13 luglio 2017

continua...